JomPage - Travel Experience
Zion Canyon National Park, Utah - USA
United States of America flag Utah | USA

Zion National Park

 
Latitude - 37° 12' N
Longitude - 112° 58' W
 

"starry, starry night
paint your palette blue and grey
look out on a summer's day
with eyes that know
the darkness in my soul
"

Don Mc Lean
   
August 2002

Zion, all'ombra della natura

soundtrack: Peace Train, Cat Stevens - 1971
 

Chapter

Se dicessi che Zion National Park mi è piaciuto più di Yosemite, molti "esperti" dei parchi americani probabilmente storcerebbero il naso. Ma questo National Park mi ha veramente entusiasmato. Sarà che provenivo da Las Vegas dove tutto è ostentato, di facciata; sarà che appena entri nello Utah ti accorgi di essere arrivato in un altro mondo. La gente nello Utah non ha mai fretta, nessuno corre; sembra che lo stress non sia stato mai esistito. E' una sensazione strana quella che si prova già a Springdale, la bellissima e raffinata cittadina che si incontra ad un paio di miglia fuori dal parco. Tutti parlano in modo pacato e ti infondono una tranquillità quasi irreale. Se avete un problema e glielo illustrate, loro con calma olimpica lo risolvono. Ti accorgi che forse in questa zona hanno capito che anche i singoli secondi vanno vissuti e assaporati. Con notevole fortuna sono riuscito a prenotare una camera allo Zion Lodge. Avevo letto che era un posto molto rinomato per gli americani e nonostante sforassi di poco il mio budget l'ho prenotato. Ti danno al visitor center un pass da applicare all'auto che ti permette di percorrere la strada che arriva fino al Lodge, nel cuore del parco. Il tragitto è come un sogno. Infatti non esiste traffico e al massimo potete incontrare la navetta del parco.

Praticamente siete solo voi, il fiume che scorre silenzioso alla vostra sinistra e le pareti del canyon sui lati. Appena si arriva al Lodge ci si accorge che questo hotel è diverso sia da quelli di Yosemite che da quelli di Bryce, sempre riferendomi a quelli interni al parco. La pulizia e l'ordine sono sovrani e un grandissimo prato con sopra un palo con la classica bandiera stella e strisce sono le prime cose che saltano agli occhi dei turisti. La clientela è prettamente composta da famiglie e da gruppi di benestanti anziani americani. Appena arrivi al bureau, come del resto per tutto il viaggio, speri che anche questa volta la prenotazione in rete non abbia fatto strani scherzi. Invece appena dai il tuo nome, senza neanche controllare in computer, hanno sul bancone la tua prenotazione e la chiave della camera. Eccellente dico io! Non vi dico la camera. Immensa e con il terrazzino arredato di poltroncine che danno direttamente sul panorama. Da classico italiano penso subito: ci dovrà pure essere una pecca!!! Ancora ripensandoci non l'ho trovata. Ovviamente non vi dico cosa portarvi nelle escursioni, ma voglio spendere due righe per il ristorante del Lodge. Ti fanno accomodare su di una immensa terrazza in legno sormontata dallo splendore del canyon ai lati e dal fiume proprio davanti. I tavoli sono illuminati da piccole lanternine che creano un'atmosfera quasi irreale. Sotto al terrazzo si estende un giardino con erba rasata perfettamente e vi dico che qualsiasi cosa avessi mangiato, con quel panorama, avrei affermato che era ottimo. Il locale ha prezzi medi, ma ha una qualità ottima. La carne che ti propongono è eccelsa. E il bello di questo posto è che (a differenza del resto d'America) a fine cena puoi tranquillamente restare a tavola a chiacchierare, senza vederti la cameriera di turno che ti invita ad andartene.

Ricordo che la cosa più bella di questo posto è il giardino dove di notte (dove la notte significa buio pesto, almeno finchè la Luna non riesce a sorpassare le cime del canyon) si affolla di ogni tipo di animale. Cerbiatti, puzzole, volpi; e poi tanti altri che non conosco vengono vicino ai tuoi piedi a brucare l'erba. Fantastico. Non vi dico cosa è quel terrazzone durante la colazione, alla mattina presto, con i colori dei monti che piano piano si accendono. La stessa strada che conduce al parco e che attraversa tutta Springdale è di color rossastro, in modo da non profanare tanta bellezza. Infatti questo parco (e anche Bryce) nonostante siano essenzialmente dei Canyon, sono ricchissimi di vegetazione e corsi d'acqua. Questo crea dei giochi cromatici stupendi tra le rocce rosse ed il verde della natura. Esistono una miriade di percorsi da intraprendere. Dai più semplici (ma mai banali) che costeggiano il fiume come il Riverside Walk, a quelli intermedi (che io ho fatto) degli Emerald Pools, fino a quelli da professionisti di Angel's Landing che vi porta sulla sommità del monte (che un giorno vorrei fare). Quello che mi è piaciuto di più (tra quelli fatti) è stato Emerald Pool. Un percorso diviso su tre livelli che ti porta alla scoperta di anfratti del monte dove sopra di te cadono piccole cascate e alla ricerca di piccoli laghetti verdi nascosti dalla vegetazione. E' veramente bello come percorso, se non fosse che io e la mia ragazza per poco non finiamo tra le grinfie di un serpente a sonagli nascosto dietro ad un cespuglio! E' finita bene, e alla fine diventa anche quella un'esperienza da portare con sè. A proposito, attenti ai Mountains Lion, cioè al classico Puma. IlChapter parco è disseminato di questi avvertimenti, ma in fondo un ranger mi ha confidato che gli avvistamenti sono molto rari.Un parco veramente bello, ma non solo per la natura. Soprattutto per la tranquillità che le persone del posto ti infondono senza neanche volerlo.

  giottoGiotto

 

   
   
 
informazioni

I documenti per poter visitare gli Stati Uniti, o anche solo transitarci per mete successive, variano continuamente. Esistono varie tipologie di passaporti in circolazione, quindi prima di prenotare il viaggio è saggio - le dogane sono rigidissime in materia di formalità burocratiche - informarsi se quello in nostro possesso è adeguato alle vigenti norme. In aggiunta, dal 2009, è stato introdotto un ulteriore modulo, compilabile su form elettronico, l'ESTA. Qui di seguito i riferimenti dell'ambasciata americana.

AMBASCIATA AMERICANA go to...

Modulo elettronico esta go to...

Ulteriori informazio su Viaggiare Sicuri go to...

clima e fuso orario
Zion National Park si trova nel sud ovest dello Utah, nel cuore dei grandi parchi americani. Ha un fuso orario di -8 ore rispetto all'Italia.
 
Distanze
- BRYCE CANYON NP ca. 222 km / 138 mi
- LAS VEGAS, NV ca. 262 km / 163 mi
- GRAND CANYON NP N.RIM, AZ ca. 241 km / 150 mi
dove dormire

Zion National Park non può essere visitata in automobile, ma solo tramite dei bus forniti dal parco. Questo rende lo Zion Lodge altamente esclusivo, essendo l'unica struttura ricettiva all'interno di tutta la vallata di Zion. Il resort, anche se costoso, permette un coinvolgimento totale con la bellezza "dolomitica" del parco e con gli animali che alla notte arrivano fino alle porte delle camere. Lo Zion Lodge è inoltre dotato di un eccellente ristorante, caratterizzato da una terrazza dove è possibile assaporare piatti tipici del posto. Fuori dal parco la località più vicina è Springdale, a poche miglia a sud di Zion, dove è possibile trovare camere molto più a buon mercato.

 
photo gallery
Angel's Landing - Zion National Park by Pier, Utah - United States of America
Angel's Landing - Zion National Park by Pier, Utah - USA
Emerald Pools trail - Zion National Park, Utah - United States of America
Emerald Pools trail - Zion National Park, Utah - USA
Virgin River - Zion National Park, Utah - United States of America
Virgin River - Zion National Park, Utah - USA
Mappa